INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Venerdì
24 Nov 2017

Santa Firmina (o Fermina) di Amelia Martire

Luna: Fra 2 gg
Primo Quarto

Alle lacrime di un erede, è ben matto chi ci crede
Meteo nel Salento: temp. 16 °C, Umid. rel. 88%, Tramontana (3.09 m/s, Brezza leggera), press. 1021 hPa
 
 Home » Il Common Rail
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Il Common Rail

Il Common Rail (JTD, HDI, CDI)

Si tratta di un sistema di iniezione, altamente innovativo, per motori diesel veloci sovralimentati, ad iniezione diretta, basato sul controllo elettronico della quantità e dell'istante di iniezione del gasolio; lavora con pressioni di iniezione fino a 1400 bar circa (per la prima versione) salirà con le prossime versioni.

Ma... chi lo ha inventato? 

Con molta probabilità c’è stato uno studio parallelo sul common rail, uno italiano con la Fiat e le sue controllate, ed uno svizzero ad opera della crt di proprietà della fam. Ganser.

Per risalire a chi sia stato il primo, occorrerebbe controllare la data di brevetto e questo, visto lo scopo informativo dell'articolo in questione, riguardante solo il funzionamento e non l'inventore, lo rimando a chi ne ha voglia.

Consumi e prestazioni

Con questo sistema si son potuti conciliare i consumi con le prestazioni e la relativa riduzione della rumorosità tipica deimotori ad iniezione diretta.I miglioramenti ottenuti con questo sistema derivano essenzialmente dal disacoppiamento funzionale tra pompa ed iniettori, cioè, nei sistemi tradizionali con pompa meccanica o/e controllata elettronicamente, è la pompa che genera la pressione, la quantità di gasolio da iniettare e l'inizio dell'iniezione, l'iniettore con la sua taratura, determina la pressione di funzionamento dell'intero sistema.La quantità di gasolio e l' inizio iniezione sono fissi e determinati in fase di costruzione/montaggio.Con il Common Rail, la formazione della pressione e l'inizio/durata dell' iniezione, sono processi separati.

La pompa genera la pressione del gasolio indipendentemente dalla quantità d' iniezione, la pressione viene accumulata nel Rail, regolata e stabilizzata dalla centralina, attraverso una elettrovalvola presente sulla pompa o sul Rail stesso.

L'inizio e la quantità di iniezione vengono calcolate dalla centralina in base ai segnali ricevuti dai vari sensori ed attuate attraverso l'apertura degli elettroiniettori. In questo modo si può variare, separatamente, secondo le esigenze, sia la pressione, sia l'inizio di iniezione, sia la quantità di gasolio iniettato.Il Multijet, altro non è che l'ultima generazione del common rail, e si differenzia solo per il numero di iniezioni di gasolio che vengono effettuate in ogni ciclo per ogni cilindro.

Nella prima generazione si aveva una preiniezione di gasolio ed una iniezione principale, che sommate davano la quantità totale di gasolio stabilita dalla centralina elettronica, in base alla mappatura interna, nella seconda generazione, abbiamo la stessa quantità totale di gasolio da iniettare, ma viene iniettata in 3, 4 o 5 iniezioni, chiamate pre e post iniezioni.

Il numero di pre e post iniezioni dipende dal costruttore dell'auto, perché tale numero influenza la complessità del sistema in fase di realizzazione ed influenza anche il comportamento del motore, in particolare inquinamento e rumorosità.

I due sistemi si differenziano solo nelle funzioni della centralina e degli elettroiniettori, progettati per questo compito, resta invariato tutto il resto, per questo volgono le stesse raccomandazioni.

Consigli utili per i possessori

Per cominciare: è sconsigliato viaggiare con carburante in riserva.

Viaggiando a regimi sostenuti con scarso carburante, avviene un surriscaldamento della pompa alta pressione, che grippandosi rompe la cinghia di distribuzione, cui è collegata, con conseguente rottura del motore, per intercessione tra valvole e pistoni.

 Si consigli di utilizzare additivi per gasolio in grado di aumentare l'azione lubrificante del gasolio e di neutralizzare l'azione deleteria dell'acqua che immancabilmente si forma nel serbatoio per effetto della condensa causata dall’alta temperatura del gasolio di ritorno nel serbatoio.

Non usare l'olio motore come additivo per lubrificare, poiché favorisce la formazione di residui carboniosi in camera di combustione e aumenta la formazione di lacche sulle parti mobili deli iniettori, che ne pregiudicano il funzionamento.

Ed ora, qualche consiglio per i colleghi:

Nel sostituire la cinghia di distribuzione prestare la massima attenzione alla tensione della cinghia stessa, poiché un'eccessiva tensione provoca la rottura della pompa alta pressione che inizia con la perdita di gasolio dalla pompa e prosegue fino all'impossibilità di avviare il motore.

Queste informazioni sono offerte da:

Elio D'Amilo
Officina meccanica, Elettrauto
Sito Web: http://www.salentoaziende.it/damilo/.
Documento creato il 28/03/2004 (13:11)
Ultima modifica del 26/01/2008 (16:11)
Il salento che lavora
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124