INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Venerdì
24 Nov 2017

Santa Firmina (o Fermina) di Amelia Martire

Luna: Fra 2 gg
Primo Quarto

Alle lacrime di un erede, è ben matto chi ci crede
Meteo nel Salento: temp. 16 °C, Umid. rel. 88%, Tramontana (3.60 m/s, Brezza tesa), press. 1021 hPa
 
 Home » Iria: la prima città
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Iria: la prima città

La città di Iria

patù le cento pietre

Secondo Erodoto, quindi, i cretesi, approdati a seguito di una tempesta che distrusse le navi, sulle coste della Japigia, non potendo far ritorno in patria, fondarono qui la loro prima città, Iria, ponendo le basi della loro civiltà nel Salento.

Ma dove sbarcarono con precisione gli esuli cretesi? Erodoto non lo dice. E, purtroppo il toponimo "Iria" è uno dei più diffusi dell'antichità. Secondo molti studiosi di storia patria, Iria è l'antico nome di Oria, città del Brindisino, ovviamente di origini messapiche.

Ma di Hyria, Orra e Uria, nell'antichità ne esistono moltissime, dal Gargano a Leuca, sino in Gallia o in Spagna, per non parlare dell'isola di Zante, tanto cara al Foscolo, chiamata, nell'antichità, anch'essa, Iria.

E, quindi, ci chiediamo ancora, dove sbarcarono i Cretesi?

E' difficile pensare ad un approdo nei pressi di Taranto e, quindi, ad uno spostamento di molti Km per fondare l'attuale Oria, città a metà strada tra Taranto e Brindisi, molto distante dalla costa.

Esiste, però, un'altra città, ormai scomparsa, che condivide le origini del proprio nome: Vereto.

Vereto, il cui antico nome sembra fosse proprio "Hyria", sorge a poca distanza dalla costa dello Ionio, sulle prime propaggini del Promontorio Iapigio. Da qui, dopo aver fondato la città i nuovi abitanti del Salento si mossero a nord, fondando altre città lungo il loro cammino: Aoxentum (Ugento), Alexias (Alezio), Baxta (Vaste), solo per citarne alcune delle più importanti.

Purtroppo, di Vereto, oggi, resta ben poco. fu completamente distrutta dai Saraceni intorno all'800 d.C. e i suoi edifici e le mura divennero materiale per la costruzione dei paesi limitrofi, primo fra tutti Patù.

Articolo curato da Franco Meraglia

Documento creato il 08/06/2005 (23:00)
Ultima modifica del 07/03/2011 (19:09)
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124