INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Lunedì
16 Lug 2018

Beata Vergine Maria del Monte Carmelo

Luna: 4 gg dopo
Luna Nuova

Uomo carnale, nulla vale
Meteo nel Salento: temp. 13 °C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » BASCIU A NUI
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Archivio 2005

mostra altre voci

BASCIU A NUI

26 Dicembre 2004 - 6 Gennaio 2005

"Basciu a nui" è una rassegna che, nell'arco di quattro date sparse per le festività natalizie, vuole mettere insieme alcuni dei nomi più interessanti del panorama reggae nazionale e internazionale, privilegiando la cultura del "sound system" come straordinario mezzo di diffusione musicale. Sul palco del Joy Dance di Calimera (LE) si alterneranno giovani promesse della scena italiana (Bless Line e Senza Freni), affermati leoni della dancehall (Villa Ada e Kalyweed) e grandi star internazionali (Sud Sound System e Anthony Johnson).

L'ingresso alle prime tre serate costa 5 euro mentre quello per l'appuntamento conclusivo, che vedrà ad un'unica consolle i veterani della dancehall italiana, i Sud Sound System, ospitare la leggendaria voce giamaicana di Anthony Johnson, sarà di 7 euro.

E' prevista, e disponibile in prevendita, una vantaggiosa forma di abbonamento a tutte le serate a 15 euro invece dei 22 complessivi.

PROGRAMMA

  • 26/12/04 Villa Ada Sound
    intro: Collemeto Sound Boys
  • 28/12/04 Senza Freni
    intro: Loo Mee
  • 02/01/05 Kalyweed Sound System
    intro: Bless Line Crew
  • 05/01/05 Anthony Johnson (Jam) + Sud Sound System
    intro: Loo Mee

VILLA ADA SOUND

La Villa Ada Posse è certamente una delle crew fondamentali nella scena reggae nazionale. Nasce nel 1991, sviluppando da subito due progetti diversi: una band, con dj's e singers, e un vero e proprio Sound System. L'intento è quello di fondere la cultura Reggae jamaicana con la specificità della scena italiana e romana in particolare. Lo stile di VAP unisce la spontaneità delle liriche "coscienti" alle sonorità dancehall delle version (le basi strumentali) sia jamaicane che autoprodotte.

Di grande interesse il loro ultimo cd, "Villa Ada Crew @ Raina Studio" (Musicbiz Production), dove le atmosfere sonore vanno dal reggae classico al dancehall ragga, fino al rub-a-dub e al dub. Questo album è un ulteriore capitolo della discografia della Villa Ada Posse, ed arriva dopo il CD 'Musically' (ancora uno dei più richiesti dai reggae fun della penisola) ed i ben noti singoli di Ginko, Lady Flavia/Brusco oltre alla hit "Dancehall Vibes" costruita da Ginko e Raina sulla base di Angel, tutti pubblicati dal One Love Hi Powa sulla propria etichetta. I loro live e le loro dancehall sono una vera esplosione di potenza sonora che sfrutta la grande tecnica di uno dei maggiori selecta nostrani, Pecoz, e le combinazioni vocali di Lady Flavia, Ginko e Raina. Sono stati presenti a tutti i più importanti eventi italiani dedicati alla reggae music.

SENZA FRENI

Dall'appennino tosco-emiliano una delle più belle realtà della dancehall nostrana, una crew che da più di quattro anni, si contraddistingue per il suo stile assolutamente originale e imperevedibile nel mescolare le migliori tracce della storia roots con i più recenti ritmi digitali.

KALY WEED

Nasce a Bologna agli inizi del 2000, da Supap (selecta e mc) Proff c (selecta), Minoman (sound engineer) e numerosi altri elementi che contribuiscono a proporre original vibes senza eccezioni di liriche attraverso la limpida potenza del proprio sound.

In questi anni Kaly Weed ha partecipato intensamente alle reggae promotions italiane dalle dancehall ai soundclash offrendo high grade vibes, e promuovendo live di artisti come Leroy Gibbon, Ranking Joe, ecc.

L'amore smisurato per questa musicacultura e la passione per l'autocoltivazione rendono ogni giorno più unita la crew e i frequenti viaggi in Giamaica creano un continuo confronto con la fonte originale del reggae dando la possibilità di interagire con la musica stessa.

SUD SOUND SYSTEM

Non ha certo bisogno di presentazioni il Sud Sound System, la più importante realtà del reggae italiano ormai nota anche a livello internazionale. La loro avventura inizia discograficamente nel 1991 con "Fuecu/T'a sciuta bona", e provoca da subito un notevole impatto con il mondo musicale italiano per varie ragioni: l'uso del dialetto salentino, la freschezza delle trovate musicali, l'impegno senza retorica dei testi.

Ma la storia del Sud Sound System comincia in realtà da molto prima, in linea con la tradizione del reggae dance hall giamaicano: casse, due piatti e il microfono. Molto tempo e tanta musica è passata dalle prima dancehall nelle campagne salentine, dai concerti dei primi tour, dalle prime apparizioni in trasmissioni televisive e radiofoniche, dalle partecipazioni a film, corti e documentari (da Cristina Comencini ad Edoardo Winspeare), dalle collaborazioni in ambito teatrale (soprattutto con la compagnia teatrale Koreya in "Acido Fenico") ma il Sound System salentino è ancora il nome di riferimento per una intera scena.

Dal vivo hanno accompagnato mostri sacri come Macka B e Mad Professor, Linton Kwesi Johnson, Asher D, Daddy Freddy, Thriller Jenna, Shabba Ranks, i Wailers, Anthony B, Sizzla; i loro tours li portano ormai regolarmente in giro per l' Europa; le uscite discografiche si succedono puntuali: nel '96 il primo album "Comu na petra", nel ‘97 "No playback" , nel ‘99 "Reggae Party", nel "Musica Musica" al quale hanno fatto seguito "Lontano" nel 2003 e la raccolta "Fuecu su Fuecu" di recente pubblicazione.

A Febbraio del 2000 hanno inaugurato la nascita della propria società discografica e di edizioni musicali, SALENTO SOUND SYSTEM, con l'uscita dell' album di Gopher ( ex cantante e batterista del gruppo), che vede la collaborazione dei cantanti dei S.S.S. stessi e di numerosi protagonisti della scena hip hop italiana. A giugno dello stesso anno esce la seconda produzione, una compilation dal titolo SALENTO SHOWCASE 2000, con la partecipazione di giovani promesse del Reggae salentino.

L'incessante promozione della musica Reggae e dei suoi contenuti ha fatto si che nel Salento crescesse una scena musicale viva e ricca di talenti tanto da giustificare la produzione di un disco che testimoniasse e valorizzasse allo stesso tempo tale creativita'..

ANTHONY JOHNSON

Nato e cresciuto a Trench Town, Giamaica, il cantante e artista internazionale di roots reggae Anthony Johnson si è fatto inizialmente conoscere come uno dei cantanti del trio vocale Mystic Eyes, il cui brano "Perilous Times" (prodotto da Greensleeves nel Regno Unito) è stato un successo impressionante alla fine degli anni settanta.

Come solista, ha lavorato con produttori affermati come Jah Thomas, Linval Thompson e Prince Jammys, e anche nella registrazione dei suoi grandi classici è stato affiancato da grandi musicisti come Roots Radics e High Times Bands. Fu Jah Thomas a produrre il grande successo internazionale, hit parade delle dance hall, ‘Gunshot', riapparso in seguito come sound system dubplate intitolato ‘Soundclash', che qualunque sound system che si rispetti non può mancare di avere nella sua selezione.

Altri successi di Anthony Johnson sono ‘Dancehall Vibes', un mostro digitale fra i primi prodotti da Jammys, ‘Life Is not Easy', ‘Africa' e ‘Know the Truth' prodotta da Linval Thomson; altri come ‘Woman Woman', ‘Reggae Feelings', ‘She Affi Come A Me', ‘Sitting in the Park' e molti altri.

Anthony si è stabilito a Londra negli anni ottanta e dopo un periodo di pausa dagli studi di registrazione, recentemente ha inciso canzoni con Jah Warrior, Rootsman e per l'etichetta del suo vecchio amico Mike Brooks, ‘Teams'. Inoltre ha registrato un remake del suo classico ‘Africa' registrato per Jah Warrior sul ritmo di ‘Declaration of Rights', incluso nel suo ultimo disco ‘Nu Shoots Inna Roots'. C'è anche un'importantissima nuova versione del suo inno ‘Gunshot' con Rootsman e anche il suo ultimo single ‘I'm the One' che sta già ricevendo grandi consensi nella dance.

Di fonda,entale importanza è la sua reinterpretazione di ‘Gunshot' nell'album ‘Garage Dubs', un radicale lavoro two step-ragga-garage registrato con il produttore londinese ‘Raggage' ‘Charjan', che vede Anthony conquistare un nuovo pubblico con il suo messaggio d'invito a deporre le armi.

Nel corso della sua carriera ha inciso ben 5 album e diversi singoli, che gli hanno regalato fama e fortuna.

JOY DANCE provinciale interna Calimera-Martano ingresso prime 3 sere: 5 euro - ingresso serata finale: 7 euro abbonamento a tutte le serate - solo in prevendita: 15 euro
Prevendite: Moses Vibes _ via Adua 22, Lecce 0832.247919
infoline: 338.5308007

Comunicato segnalato da: Kodemix

Documento creato il 28/03/2005 (20:38)
Ultima modifica del 28/03/2005 (20:38)

Fortune Cookie...

Uomo poltrone, uomo poverone
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124