INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Martedì
26 Gen 2021

San Tito Vescovo

Luna: Fra 2 gg
Luna Piena

La lima del rancore lenta consuma il cuore
Meteo nel Salento: temp. 13 °C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » Mostra: Gli Anni 60
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Mostra: Gli Anni 60

GRANDE SVOLTA ANNI 60

A Padova ritornano i mitici anni 60. E' allestita presso il Palazzo della Regione dal 7 giugno al 19 ottobre 2003 una mostra - evento dedicata ai mitici anni '60 dal titolo: LA GRANDE SVOLTA ANNI 60 - Arte, Moda, Cinema, televisione, musica, design, architettura e altro

Mostra - evento: GRANDE SVOLTA ANNI 60

Sugli ANNI 60 - scrive Mario Luzzatto Fegiz:

Mi confidò una volta Paul McCartney: "gli anni sessanta sono stati il massimo del divertimento della goduria. Irripetibili. Soprattutto sul piano del sesso: pillola anticoncezionale, malattie veneree sconfitte dagli antibiotici, aids nemmeno all'orizzonte. Boom economico, nessuna crisi petrolifera in vista, voglia diffusa e sfrenata di libertà. Che pacchia".

Ma come si arrivò a questo magico decennio? Alla fine degli anni Cinquanta una nuova categoria sociale si sta affacciando sulla scena dei paesi occidentali: è quella dei teen agers, cioè ragazzi d'età compresa fra i 13 e i 19 anni. Hanno scoperto di vivere in un mondo più comodo dei loro genitori che hanno fatto la guerra, stanno bene soprattutto fra loro, meno con i familiari, gli adulti, gli insegnanti. Hanno qualche soldo in tasca e del tempo libero. Cercano una identità anche attraverso i vestiti, jeans, Tshirts, giacconi di pelle. Hanno già trovato il loro primo simbolo, Elvis Presley che da corpo, insieme a Marlon Brando, James Dean, alla loro voglia di ESSERE a qualunque costo. Con il suo modo di cantare è partita una rivoluzione dei corpi, degli spiriti e dei cuori che proietterà le sue conseguenze per i successivi trent'anni almeno. La sua è una musica da vedere, oltre che da sentire. Non fu una svolta indolore. Frank Sinatra sosteneva addirittura che il rock'n'roll fosse "la forma espressiva più schifosa, brutale e malefica, un afrodisiaco pestilenziale, la musica preferita da tutti i delinquenti della terra". Mentre negli Stati Uniti si tentava di arginare questa nuova e demonizzata tendenza, in Italia si pensava soprattutto ad uscire dalla profonda crisi economica ereditata dalla Seconda Guerra Mondiale.[...]

La musica leggera italiana dunque venne concepita fino alla fine degli anni '50, sull'onda della tradizione canzonettistica napoletana, come lo spettacolo di evasione per eccellenza.

Per informazioni:

Per rivivere tutto questo e per maggiori informazioni visitate il sito ufficiale infocultura@comune.padova.it

L'articolo pubblicato e le immaggini sono state concesse a Japigia dalla redazione di PadovaCultura.

Documento creato il 08/03/2004 (18:37)
Ultima modifica del 09/03/2011 (19:09)

Fortune Cookie...

Chi paga innanzi, è servito dopo
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124