INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Venerdì
20 Lug 2018

Sant' Apollinare di Ravenna Vescovo e martire

Luna: Primo Quarto

Il pianto non ripara i mali.
Meteo nel Salento: temp. 13 °C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » Bere fino a stordirsi
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Bere fino a stordirsi

Allarme tra i giovani

Lo "Sportello dei Diritti" lancia l'allarme: troppo diffusa fra i giovani la prassi del "bere fino a stordirsi". Intervengano le Asl, le scuole e tutti gli enti competenti per sensibilizzare l’opinione pubblica contro questa fenomeno.

Lo "Sportello dei Diritti" della Provincia di Lecce, di cui è delegato l’assessore Carlo Madaro ha continuato a ricevere segnalazioni, da parte di alcuni genitori, specie dopo le precedenti iniziative volte al contrasto del fenomeno dell’alcolismo in particolare tra i più giovani. Un fenomeno preoccupante che è possibile rilevare dalle lamentele dei genitori è quello che è stato soprannominato con le parole anglosassone "Binge Drinking", termine col quale si va ad indicare il "bere fino a stordirsi" con tutte le conseguenze del caso, non un’ultima il rischio di gravi intossicazioni, prassi molto in voga fra i nostri ragazzi specie in occasione del "sabato sera" o di festeggiamenti vari.

Al fine di permettere un maggiore controllo da parte dei genitori che sono i soggetti a cui è affidato - prima dei medici o dei Pronto Soccorsi - il controllo immediato sulla salute psicofisica dei propri figli si riportano alcuni dati che permettano di capire attraverso una superficiale analisi se il proprio figlio sia un abituale Binge Drinkers.

Se gli specialisti del settore non hanno ancora fornito una definizione univoca del "Binge Drinking", dato che in passato quest’espressione andava ad indicare un periodo di un paio o più giorni in cui il soggetto beveva ripetutamente fino all’intossicazione, senza dedicarsi alle attività e ai doveri quotidiani, ai nostri giorni, il lasso di tempo di riferimento è ben più ristretto e si discute sulla quantità di alcool da ingerire in una volta per classificare il disturbo: comunemente, questo limite è fissato a 5 (cinque) drink per gli uomini e 4 (quattro) per le donne. Inoltre, come puntualizza la British Medical Association, attualmente il Binge Drinking è associato al bere con il preciso proposito di ubriacarsi e di solito si verifica in contesti di socialità, piuttosto che quando si è soli. Non si deve pensare che il fenomeno - già studiato negli USA sin dai primi anni Novanta dove è divenuto una vera e propria piaga sociale - sia appannaggio di individui emarginati o appartenenti alle classi sociali più disagiate, tutt’altro: a partecipare a queste "sessioni di alcool" sono nella maggior parte dei casi studenti o addirittura atleti. In Italia le cifre, per quanto non da record, bastano a far scattare il campanello d’allarme: secondo l’ESPAD Report del 2000 l’abitudine al Binge Drinking Occasionale riguarda circa il 13% degli studenti delle superiori.

I rischi sono gli stessi di tutte le sostanze che provocano dipendenza. Il principale è senza dubbio la guida in stato di ebbrezza, che oltre a cagionare ingenti danni al bevitore è anche fonte di pericolo per terzi. A lungo termine si possono invece riscontrare le seguenti conseguenze sulla salute psico-fisica del giovane:
a) peggioramento delle prestazioni scolastiche e/o lavorative;
b) introduzione all’uso di droghe;
c) attività sessuali non pianificate.

Per non citare poi l’influenza che queste bevute hanno sull’umore, incostante e tendente a oscillare tra l’euforia e l’abbattimento morale, fino alla depressione.

Quindi, lo "Sportello dei Diritti" interviene ancora una volta per segnalare l’emergenza della piaga alcolismo a tutti gli enti che si occupano della salute e della tutela dei più giovani ed in particolare alle ASL nonché agli istituti scolastici al fine di lanciare campagne di sensibilizzazione più incisive che servano a generare un maggiore senso di responsabilità nei ragazzi, poiché sino ad oggi, i fenomeni giovanili di dipendenza dall’alcool sono stati sottovalutati rispetto alla loro reale consistenza e diffusione.

Infine, sarebbe auspicabile un intervento del legislatore che limiti le pubblicità dei mass media che finora hanno perorato la causa della diffusione dell’alcol, associando alla parola alcool una vita da "vincente". Senza segnalarne tuttavia i pericolosi rischi connessi.

Lecce, 21 novembre 2006 L’Assessore Carlo Madaro

Documento creato il 24/11/2006 (21:57)
Ultima modifica del 24/11/2006 (21:57)

 

Articoli collegati, per maggior approfondimento:

Altro su questo portale Internet:

  1. Abuso di alcolici,
    (http://japigia.it/docs/index.shtml?A=m_madaro19)
    Campagna contro l`eccessivo consumo di alcolici
  2. Depressione tra i giovani,
    (http://japigia.it/docs/index.shtml?A=madaro20)
    Allarme depressione tra i giovani
  3. Abuso di alcol,
    (http://japigia.it/docs/index.shtml?A=madaro32)
    Abuso di alcol per le mamme italiane
  4. Carlo Madaro,
    (http://japigia.it/docs/index.shtml?A=madaro_1)
    Carlo Madaro Assessore al Mediterraneo della Prov. di Lecce

Fortune Cookie...

Il bene bisogna cercarlo, il male aspettarlo
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124