INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Lunedì
18 Giu 2018

Corpus Domini

Luna: Fra 2 gg
Primo Quarto

Mentre il cane si gratta, la lepre scappa
Meteo nel Salento: temp. 13 °C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » RAI 1964
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Archivio 2008

mostra altre voci

RAI 1964

19 aprile – 25 maggio 2008

"RAI 1964. La sede regionale del Friuli Venezia Giulia. La collezione d’arte" Udine, Galleria d’Arte Moderna, 19 aprile – 25 maggio 2008 Inaugurazione: venerdì 18 aprile ore 18.00

Venerdì 18 aprile 2008 alle ore 18.00 presso la Galleria d’Arte Moderna di Udine verrà inaugurata la mostra dedicata alla collezione d’arte contemporanea della RAI, sede regionale del Friuli Venezia Giulia. Si tratta di una sequenza di quarantasei opere di artisti nati o attivi nel corso del Novecento nella nostra regione, finora conservate presso il palazzo progettato nel 1960 con un linguaggio razionalista dall’architetto triestino Aldo Cervi quale nuova sede regionale dell'ente radio-televisivo in via Fabio Severo a Trieste. Su sua proposta, la RAI decise di acquisire opere d’arte per valorizzare gli interni del nuovo palazzo, ultimato nel 1963. Guido Candussi, direttore della sede, in collaborazione con Aldo Giannini, responsabile dei programmi culturali, grazie a uno stanziamento di cinque milioni di lire, iniziarono la ricerca di opere significative di artisti regionali, fino a formare una collezione d’arte contemporanea che documenta al meglio l’arte del primo dopoguerra, e le tendenze in atto tra influssi dell’informale e nostalgie figurative.

Alle prime acquisizioni che vedono l’ingresso di opere recenti di Giuseppe Zigaina, Nino Perizi e Dino Predonzani, seguono due pittori del goriziano, Sergio Altieri e Cesare Mocchiutti, e, secondo i criteri di particolare attenzione al nuovo e di una sapiente distribuzione territoriale, i giuliani Federico Righi, Edoardo Devetta e Vittorio Bergagna, e i friulani Enrico De Cillia, Angelo Variola, Giorgio Celiberti, Carlo Ciussi e Fred Pittino. La presenza triestina è inevitabilmente folta considerato il felice momento che l’arte contemporanea vive in questo momento nel capoluogo regionale, e si arricchisce presto di altri nomi importanti come Luigi Spacal, Romeo e Renato Daneo, Marino Sormani e Livio Rosignano, ma non vengono trascurati gli artisti della generazione precedente come Augusto Cernigoj, Ruggero Rovan, Mario Lannes e Franco Orlando.

Documentata anche l’opera di pittrici a partire da Leonor Fini, la musa del surrealismo ormai celebre e residente a Parigi, accanto ad Amalia Glanzmann ed Elettra Metallinò, che – con la sua xilografia – si accompagna anche al piccolo nucleo degli incisori, di cui fanno parte anche Tranquillo Marangoni, Aldo Bressanutti e lo sloveno Riko Debenjak.

Poco prima dell'inaugurazione, avvenuta il 6 maggio 1964 alla presenza del Presidente del Consiglio Aldo Moro, la collezione si arricchisce di due nomi importanti come Antonio Zoran Music, di cui viene acquistato “Motif italien vert”, e Marcello Mascherini, che cede la scultura in bronzo “Danzatrice”. Anche dopo la solenne cerimonia la raccolta continua: nel 1965 la RAI mostra la sua attenzione verso la minoranza italiana in Istria con gli acquisti di Ugussi e Cocchietto, segue artisti un po’ defilati come Poian e Delpin, ma non dimentica nemmeno i “grandi vecchi” di Trieste, Lucano e Rovan. Negli anni Ottanta, dopo una lunga pausa, sotto la direzione di Guido Botteri, la RAI completa la collezione con un acquisto eccezionale, la sequenza di quattro dipinti provenienti dagli eredi di Saba che rappresentano una vera e propria galleria di protagonisti della cultura italiana del Novecento, a partire dal “Ritratto di Umberto Saba” di Vittorio Bolaffio, accanto ai ritratti dedicati da Carlo Levi a Lina Saba, Linuccia Saba e Maria Lupieri.

Dopo l’allestimento presso il Museo Revoltella di Trieste, ora la mostra approda a Udine, presso la sala didattica della Galleria d’Arte Moderna, corredata da una serie di interviste storiche ad alcuni artisti presenti in mostra, tra cui Leonor Fini e Giuseppe Zigaina, che vengono proposte attraverso appositi monitor accanto alle loro stesse opere. La mostra è curata da Maria Masau Dan, Isabella Reale e Guido Botteri ed è accompagnata da un ampio catalogo edito dalla RAI con Comunicarte in cui ci sono testi di Massimo Greco, assessore alla cultura del Comune di Trieste, Roberto Collini, Guido Botteri, Maria Masau Dan, Isabella Reale, Susanna Gregorat, Lorenzo Michelli, Massimo Mucci.

  • Info: Galleria d’Arte Moderna, via Ampezzo 2, tel. 0432 295891, fax 0432 504215
  • Orari da martedì a sabato 9.30-12.30/15.00-18.00, domenica 9.30-12.30. Lunedì chiuso
  • Ingresso: biglietto intero Euro 3,20, ridotto Euro 1,60, festivi Euro 1,00, alunni scuola dell’obbligo (accompagnati) per ciascun allievo Euro 1,00
  • Documento creato il 09/04/2008 (13:56)
    Ultima modifica del 19/06/2008 (14:08)

    Fortune Cookie...

    Il coltello ferisce da vicino - la lingua a qualunque distanza
    No al ritorno del nucleare!
    Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
    Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
    E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
    Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
    Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
    Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124