INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Mercoledì
20 Nov 2019

Sant' Ottavio Martire

Luna: 1 gg dopo
Ultimo Quarto

Per mezzo dei libri i morti insegnano ai vivi.
Meteo nel Salento: temp. 13 °C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » I Comuni » Melendugno » Le marine
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Le marine

Le marine di Melendugno

san foca, la torre

Lasciandosi alle spalle Melendugno e procedendo fra strade immerse nel verde degli ulivi verso la costa, si giunge alle marine di Melendugno: San Foca e, più a sud, Roca Vecchia e Torre dell'Orso.

Sono oggi bellissimi luoghi di villeggiatura, con un mare pulito e cristallino ma, dietro la facciata della modernità nascondono origini antichissime che risalgono ad un periodo lontano, in cui gli abitanti del Salento popolavano una regione florida ricca di acque, di fiumi, di boschi.

La ricchezza del territorio attirava le genti provenienti dalle terre aldilà dello stretto braccio di mare antistante.

Antichi insediamenti

torre dell orso, le due gemelle

Molti sono gli elementi che lasciano supporre l'antica esistenza di una continuità di insediamenti abitativi tra le attuali località di San Foca e Torre dell'Orso: un unico, continuo dispiegarsi di abitazioni in un tratto di costa lungo quattro chilometri, popolato sin dai tempi più antichi.

Gli archeologi dividono i periodi storici che si accavallano in un certo territorio in strati: in questi luoghi la stratificazione è molto accentuata e comprende un lungo periodo compreso tra l'età della pietra ed il medioevo.

san foca la spiaggia

E' addirittura possibile vedere, in uno stesso luogo, i segni lasciati dagli insediamenti di uomini che abitavano in caverne ed anfratti, cui si sovrappongono le capanne dei successivi abitanti; a questi seguono gli altri che, ordinatamente, hanno lasciato le loro tracce sul territorio con un sommo rispetto per coloro che li avevano preceduti, avendo cura di rispettare ciò che questi avevano lasciato.

Documento creato il 19/08/2004 (20:04)
Ultima modifica del 21/03/2011 (16:01)
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124