INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 
Il salento che lavora

Domenica
19 Nov 2017

Santa Matilde di Hackeborn (o di Helfta) Monaca

Luna: 1 gg dopo
Luna Nuova

Il dotto molto pensa e poco parla, non pensa l'ignorante e sempre ciarla.
Meteo nel Salento: temp. 13 °C, Umid. rel. 94%, Grecale (1.03 m/s, Bava di vento), press. 1011 hPa
 
 Home » I Comuni » Specchia » Borgo Cardigliano
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Altri documenti

Le Fotorassegne!

Borgo Cardigliano

Borgo Cardigliano: uno scorcio di passato nel cuore del Salento

borgo cardigliano

Nel Comune di Specchia si trova uno degli scorci più suggestivi del Salento: Borgo Cardigliano. Il Borgo è immerso in un ambiente rurale che conserva ancora il fascino dell’antico Meridione agricolo del Novecento tuttavia, in seguito alla recente ristrutturazione del posto, fortemente voluta dal Comune di Specchia, il Borgo è diventato un vero esempio di struttura ricettiva ecosostenibile.

Tra i villaggi della Puglia, Borgo Cardigliano è uno dei pochi a vantare impianti fotovoltaici, pannelli solari e una torre eolica che producono energia elettrica “pulita” e che preservano la bellezza e l'importanza storica e architettonica del Borgo.

La scoperta di una tomba ipogea lascia supporre che già all’età del bronzo ci fosse un insediamento urbano, anche se altri ritrovamenti inducono a ritenere che il posto sia stato abitato solo successivamente.

Certo è che, fino alla metà del XVIII secolo, furono i Balsamo i proprietari di Cardigliano, a cui seguirono gli Zunica (Duchi di Alessano). In seguito alla prima guerra mondiale, il posto venne comprato da Giovanni Greco, ricco commerciante di Castrignano dei Greci, che, sfruttando la forte e potente amicizia con Achille Storace, uno dei più noti gerarchi fascisti, riuscì a trasformare Cardiagliano in un’azienda agricola/industriale adibita alla lavorazione del tabacco levantino.

Un villaggio completamente autonomo, con tanto di forno, frantoio, scuola, Chiesa (1929) e cimitero. Negli anni Settanta, il Borgo conobbe la desolazione più assoluta, diventando oggetto di atti di vandalismo diretti a rovinare molti degli elementi architettonici degli edifici.

Negli anni ottanta l’Amministrazione del Comune di Specchia decise di acquistare l’intera struttura e i terreni circostanti. L’intento era proprio quello di iniziare i lavori di recupero della struttura e del suo originale stile architettonico.

Attualmente il Borgo di Cardigliano è un incantevole e caratteristica struttura turistica, unica nel suo genere. Ulteriore punto di forza del posto è, inoltre, la vicinanza dalle più belle cittadine del Salento come Lecce, Gallipoli, Otranto, Santa Maria di Leuca.

Documento creato il 11/07/2012 (19:23)
Ultima modifica del 11/07/2012 (19:28)
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124