INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Domenica
23 Set 2018

San Pio da Pietrelcina

Luna: Fra 1 gg
Luna Piena

Alla strada difficile raddoppia il passo
Meteo nel Salento: temp. 13 C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » La cripta
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

La cripta

La Cattedrale e la Cripta

La cattedrale di OtrantoIl grande desiderio di Maometto II era trasformare in stalle le cattedrali della Cristiana Europa; ci sarebbe senz'altro riuscito se, sulla sua strada, non avesse trovato la testardaggine delle genti salentine! Mentre le soltatesche aragonesi fuggirono nottetempo attraverso percorsi segreti, gli Otrantini restarono a fronteggiare le bombarde ottomane: morirono tutti! I loro resti furono raccolti solo l'anno dopo, quando le truppe del regno di Napoli riuscirono a riconquistare queste sfortunate Terre. Una parte dei resti conservata proprio nella cappella a destra dell'altare maggiore nella Cattedrale di Otranto.

Tuttavia, a parte i motivi devozionali, la Cattedrale di Otranto resta uno dei monumenti pi importanti del romanico salentino. Fu certamente costruita sui resti di altre strutture precedenti, sotto il regno dei normanni nell'XI secolo, subendo evidenti rimaneggiamenti nei secoli successivi; tra essi, i pi evidenti sono quelli di epoca barocca.

L'interno arricchito da un grandioso mosaico pavimentale, realizzato intorno al XII secolo da un monaco della vicina San Nicola di Casole di nome Pantaleone. Pantaleone volle sintetizzare in quest'opera tutte le conoscenze del tempo, rappresentandole in una struttura ad albero conosciuta con il nome di Albero della Vita.

Le radici dell'albero sono lungo la parete orientale, nei pressi della porta d'ingresso, proseguendo sino all'altare maggiore. Ci sono animali mitici, creature mostruose, personaggi della Bibbia e della mitologia; nei pressi dell'altare maggiore una figura ha colto l'interesse degli studiosi: Re Art. La domanda che molti si sono posta questa: Che ci fa Re Art, una figura per niente famosa al tempo della realizzazione del mosaico, nella grande opera del monaco Pantaleone? Nessuno riuscito a dare una risposta, se non semplici supposizioni: addirittura, qualcuno giunto a dire che... non opera di Pantaleone ma una modifica successiva al mosaico!

A destra dell'ingresso principale si apre l'ampia scalinata che conduce alla cripta della cattedrale. Scendendo, sul lato destro della scala sono visibili i livelli inferiori, segno evidente delle strutture preesistenti e venuti alla luce durante i lavori di restauro.

La cripta una selva di colonne: l'una diversa dall'altra! Sorreggono il tetto di questo antico luogo di culto. Le pareti sono ricoperte da affreschi, molti dei quali rovinati: recano ancora il segno dei colpi delle scimitarre dei turchi. In una delle pareti sul fondo della cripta, solo l'immagine di una Madonna Nera si salvata, forse perch ai turchi parso di riconoscere qualcuno cui dovevano il loro rispetto...

Documento creato il 26/09/2007 (11:56)
Ultima modifica del 16/03/2011 (13:47)

Fortune Cookie...

Quando il nemico fugge, tutti son bravi
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124