INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Giovedì
12 Dic 2019

Beata Maria Vergine di Guadalupe

Luna: 1 gg dopo
Luna Piena

Anche un viaggio di mille leghe comincia con un passo.
Meteo nel Salento: temp. 13 C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » Il Menhir di Melpignano
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Il Menhir di Melpignano

Il Menhir Chipuru, di Oreste Caroppo

Nei giorni scorsi, tornato ad osservare un menhir, che avevo scoperto molto anni fa nella zona industriale di Melpignano, ho dovuto amaramente constatare che, sebbene ancora in loco, l' ambiente in cui quel monolite insisteva è stato orribilmente deturpato dalla edificazione di una adiacente fabbrica.

In parte mi sento responsabile per quanto è successo; forse se avessi segnalato quella scoperta, il Comune di Melpignano avrebbe agito diversamente, prima di approvare il progetto di realizzazione di quell'industria. Fortunatamente almeno il monolite esiste ancora; tuttavia, considero fondamentale, accanto al rispetto dei megaliti, quello del contesto in cui insistono. Un megalite dà e riceve il suo forte e caratterizzante valore estetico dall'ambiente rurale e bucolico che lo ha circondato per secoli: perde tutta la sua forza suggestiva quando ormai è inglobato in un contesto di costruzioni moderne, realizzate senza alcuna cura o tentativo di armonizzarle con le peculiarità naturali e culturali dell'ambiente salentino.

In queste pagine è possibile consultare i dati che riguardano il nuovo menhir di Melpignano (Menhir Chipuru) e le belle foto che lo ritraggono prima dello scempio, nella speranza di un possibile disperato e doveroso intervento della autorità competenti, in difesa di questa preziosa testimonianza del nostro passato, la cui conoscenza e studio aggiungono un ulteriore tassello per lo studio dei menhir salentini.

Più estendo le mie ricerche più mi accorgo con meraviglia della impressionante densità di menhir, che un tempo doveva rivestire il territorio; tuttavia, le cospicue testimonianze di oggi, costituiscono solo la punta di un iceberg, se paragonate a quell'antica moltitudine. Una densità che rivaleggiava perfettamente con quella di altre realtà megalitiche più famose nel mondo, come i campi di menhir francesi: se presa in considerazione, permette nuove prospettive per lo studio del perché e del significato dei nostri menhir.

Documento creato il 09/01/2006 (10:15)
Ultima modifica del 09/01/2006 (10:15)

 

Articoli collegati, per maggior approfondimento:

Altro su questo portale Internet:

  1. Antiche testimonianze,
    (http://japigia.it/docs/index.shtml?A=menhir)
    Il Salento e le antiche testimonianze
  2. ,
    (http://japigia.it/docs/index.shtml?A=menhir2)

Fortune Cookie...

Per ogni volpe in giro c`è sempre un pollo a tiro
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124