INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Martedì
20 Ott 2020

Sant' Irene del Portogallo Martire

Luna: 4 gg dopo
Luna Nuova

L'avaro in punto di morte rimpiangerà i soldi spesi per la bara
Meteo nel Salento: temp. 13 °C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » Forum Ville d'Italia
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Archivio 2004

mostra altre voci

Forum Ville d'Italia

25 e 24 aprile 2004

Piazzola sul Brenta (Padova). Villa Contarini a Piazzola sul Brenta ha tenuto a battesimo una lobby positiva nata per la difesa dell’immenso patrimonio culturale, storico e turistico rappresentato dalle ville, castelli, dimore e giardini storici in Italia.
rappresentati delle maggiori istituzioni pubbliche e associazioni private che agiscono per la salvaguardia e la valorizzazione dei ville e dimore storiche, si sono incontrati nella magnifica dimora che fu dei Contarini per discutere, a porte chiuse, sul come agire per raggiungere più efficacemente quelli che sono i loro obiettivi sia a livello nazionale che comunitario.

L’iniziativa del primo “Forum Ville d’Italia”, proposta e gestita dall’ IRVV (Istituto Regionale Ville Venete), con l’Irvit (Istituto Regionale Ville Tusconale) e l’EVV (Ente Ville Vesuviane), ha riunito, per la prima volta operativamente insieme, i rappresentanti di: Associazione Castelli e Ville Aperte in Lombardia, Associazione delle Ville e Palazzi Lucchesi, Associazione Dimore Storiche Italiane, Castelli Aperti del Basso Piemonte, Castelli del Ducato di Parma e Piacenza, Fai, Italia Nostra, Istituto Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna, Associazione Ville Venete, Federazione delle Associazioni Culturali Napoletane, Museo del Paesaggio, Associazione Napoletana per i Monumenti e il Paesaggio, Associazione per lo Studio e la Tutela dei Giardini Storici, Antares, Associazione Amici delle Ville e dei Siti Vesuviani, Associazione Nazionale Castelli e Ville Visitabili in Italia.

Tutti insieme, i delegati rappresentavano all’incirca 10 mila tra ville, castelli, giardini e dimore storiche in Italia, in maggioranza private e in parte rilevante aperte alla visita del pubblico.

Tutti i delegati, dopo una giornata di lavori molto intensi riservata alla reciproca miglior conoscenza e alla discussione delle problematiche, hanno elaborato e sottoscritto un documento contenente i punti che individuano strategie e linee di azioni comuni per la valorizzazione di questo grande patrimonio italiano, quali la creazione di un Network delle Ville d’Italia che si manifesti attraverso inedite e originali iniziative di co-marketing.

Gli obiettivi...

L’obbiettivo è di arrivare alla costituzione, entro l’autunno di quest’anno, di un soggetto giuridico che sia in grado di valorizzare e promuovere al meglio questo straordinario patrimonio. Già fissato il secondo incontro nazionale che si terrà a Napoli i prossimi 24 e 25 aprile.

Sullo sfondo della discussione, le attese positive ma anche le preoccupazioni per il processo di decentramento delle competenze per i beni culturali, processo ormai irreversibile che potrà risultare positivo o negativo anche a seconda di quanto le burocrazie regionali e nazionali potranno confrontarsi con soggetti “forti” e preparati. Per questo è necessario che si attivi, al più presto, un’azione, coordinata tra territori e soggetti, che faccia uscire ciascuna realtà dall’interesse locale e che affermi, anche con interveti promozionali di rilievo, l’oggettiva importanza delle ville, castelli, parchi e dimore storiche come punti strategici di un sistema di risorse in grado di assicurare ricadute positive per tutto il territorio.

L’azione delle “Ville d’Italia” dovrà esprimersi a livello nazionale, sia per ottenere nuove risorse per tutelare e valorizzare questo immenso patrimonio, sia per spingere il Governo a dotare il Paese di nuove normative su alcuni punti considerati indispensabili quali la riduzioni dell’Iva anche per le manutenzioni ordinarie su edifici sottoposti a vicolo. Altro tema di confronto sarà quello della “velocizzazione” dei rapporti con le Sovrintendenze che debbono autorizzare tali interventi: in non pochi casi, la lentezza delle autorizzazioni causa più danni di quelli per i quali si è chiesto il nulla osta. “Se dovevamo sostituire qualche tegola sconnessa, ci siamo trovati, per l’impossibilità di intervenire subito, a dover sostituire tutto il tetto che, in attesa del via ai lavori, si è marcito”, hanno lamentato a Piazzola i rappresentati di alcune associazioni di proprietari, associazioni che hanno giustamente evidenziato che il possessore una villa o dimora storica ne è, nei fatti, poco più che “il guardiano non retribuito”, essendo il ”proprietario posseduto e non possessore della sua casa”.

Altra azione, già avviata dalle Ville d’Italia con la recente mostra delle Ville d’Italia a Bruxelles, è prevista a livello comunitario, dove il coordinamento italiano sta già creando una rete con le analoghe, forti realtà di molte paesi già membri della Comunità e con quelle che stanno per entrare a farci parte.

L’obiettivo che cerchiamo di raggiungere in tempi molto brevi – ha affermato il Presidente dell’IRVVE, Luciano Zerbinati, è di metterci insieme, per contare di più di quanto non possano fare i soggetti che agiscono in ordine sparso, sia a livello locale che nazionale che comunitario. Se vogliamo parlare di lobbyng facciamolo, ma questa è un’azione benvenuta, di lobbyng positiva, nell’interesse della cultura, della storia, della civiltà del nostro Paese”.

Comunicato curato dall'Ufficio Stampa: Studio ESSECI
Documento creato il 26/04/2004 (09:13)
Ultima modifica del 26/04/2004 (09:13)

Fortune Cookie...

Le buone parole acconciano i mali fatti
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124