INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Mercoledì
21 Feb 2018

San Pier Damiani Vescovo e dottore della Chiesa

Luna: Fra 1 gg
Primo Quarto

I secondi pensieri sono i migliori
Meteo nel Salento: temp. 11 °C, Umid. rel. 87%, Grecale (3.60 m/s, Brezza tesa), press. 1005 hPa
 
 Home » Campagna mia compagna
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Archivio 2006

mostra altre voci

Campagna mia compagna

Magliano: 6 -7 -8 ottobre 2006

"niurumaru" associazione di chi crede nella cultura come dialogo tra amici che rispettano l’uomo e l’ambiente

Tre giornate nella campagna "per conoscere il bene e il male e luoghi e gente e storie e cibo e vini". E per adottare una strada, una di quelle “strittule” che costeggiano campi, vigneti, frutteti, antichi casini, ripulirla dai rifiuti, salvaguardala dall’incuria, tornare a viverla. Con questo "invito al viaggio" si apre alle 15 di venerdì prossimo a Magliano, la frazione di Carmiano che conta circa tremila abitanti, "Campagna mia compagna" (programma in allegato), organizzata dall’associazione culturale e politica “Niurumaru”. Una tre giorni ricchissima di appuntamenti, iniziative, incontri, giochi, cucina, prose e poesie, con un obiettivo preciso: "far vivere ai cittadini i modi tradizionali della campagna perché se li godano, ma anche perché ci aiutino a salvaguardali e valorizzarli". E nelle intenzioni dei soci dell’associazione, ad iniziare dal presidente Davide Mancina, l’occasione per "inaugurare un modello nuovo, di gusto antico, per proporre la tipicità, i valori della campagna". Provando a salvare Magliano da una trasformazione urbanistica che rischia di snaturarne la bellezza e il senso.

D'altra parte secondo Mancina, architetto, proprio Magliano è divenuto negli ultimi tempi, e sempre più selvaggiamente, emblema del modo in cui nonostante le molte retoriche sulla salvaguardia dell’ambiente e dei manufatti architettonici storici, parti importanti del territorio salentino sono "abbandonati, senza alcun controllo pubblico, e soprattutto senza alcuna sensibilità da parte delle pubbliche amministrazioni al problema. La campagna è abbandonata a sé stessa, spazzatura dei rifiuti del quotidiano e della volgarità delle costruzioni, dai muri in cemento alle abitazioni alle fabbriche. Proprio quando, nel frattempo, se ancora bella, può essere interessata da nuovi mercati, da nuove economie, da un’idea di futuro non invasiva né traumatica, sostenibile".

C’erano dunque una volta Magliano e i suoi dintorni, si potrebbe dire, e obiettivo politico dell’iniziativa è proprio accendere l’attenzione sulla trasformazione in atto di un borgo che rischia di smarrire l’intima essenza, il genius loci, la bellezza. Non una ennesima sagra, dunque, vogliono essere questi tre giorni, anzi quanto di più lontano si possa immaginare, né tantomeno un week end semplicemente "spettacolarizzato".

"Quel borgo", racconta Mancina, "fino alla prima metà del '900 era tra i luoghi di villeggiatura preferiti dai benestanti della borghesia cittadina, che lì trascorrevano con le famiglie estati lunghissime. Le loro proprietà offrivano tutto il desiderabile: distese di vigne per il vino, curate spalliere di uva da tavola, maestosi olivi, giardini d’aranci, fichi, peri, meli, albicocche, susine, melograni, orti curatissimi, frutti della macchia mediterranea, querce vallonee e verdure selvatiche. E poi animali da cortile, cacciagione, altre preziosità locali. Una attenzione alla campagna che era parte integrante di una cultura che quel ceto sociale esercitava nelle più varie forme. A contatto con questa società privilegiata il mondo contadino arricchiva il suo sapere e la consapevolezza dei propri valori. La pulizia della vita e lo "spuddrimare", la vendemmia, la monda degli ulivi, il portare le ulive al frantoio e i pani e i fichi al forno, ma anche i canti della lirica durante il lavoro e nelle notti d’estate, nelle corti, la recitazione dei classici alternati a “cunti” e canti popolari erano riti quasi sacri, puntuali scadenze di vita. I signori sono andati via, e per qualche decennio la tradizione della vita in campagna ha resistito, custodita nelle case del borgo antico, nelle "strittule" di campagna, nelle botteghe e nelle cucine. Ha resistito soprattutto la strutturazione della campagna.Con i suoi percorsi, le sue tipologie costruttive, le sue colture e la sua cultura".

Su tutto questo vuole provare a riflettere concretamente l’iniziativa promossa da "Niurumaru". Non solo con discorsi, piuttosto lungo una tessitura di azioni concrete: la pulizia dai rifiuti di una strada, l’antica arte dei palloni aerostatici, letture di poesie e di prose, una passeggiata in campagna alla luce della luna, della poesia e dei vini, l’invito rivolto ai bambini a vendemmiare e poi a stompare esattamente come un tempo. Per sottolineare come “quanto è custodito nella memoria e quanto ancora fisicamente rimane è patrimonio culturale. Un patrimonio culturale con alto valore economico e sociale, a patto di saperlo riconoscere e gestire correttamente”. Il che significa anche sollecitare il comune di Carmiano a sancire una volta per tutte e definitivamente il valore urbanistico e storico del centro storico della frazione di Magliano, dell’antico borgo segnato da corti, case a schiera, edifici signorili. Da architetto qual è, oltre che profondo conoscitore del territorio salentino, Davide Mancina suggerisce anche la strada: classificare il centro di Magliano come "zona A", ovvero zona di cui vanno riconosciuti e protetti i caratteri. Invitando a recuperare il rapporto con la campagna e la bellezza di un luogo che rischia di trasformarsi irreversibilmente senza alcuna pianificazione intelligente e coerente, "Campagna mia compagna" di fatto pone con forza una questione non più rinviabile, alla piccola frazione di Magliano e all’intero Salento.

campagna mia compagna

a Magliano tre giornate nella campagna per conoscere il bene e il male e luoghi e gente e storie e cibo e vini

  • Venerdi' 6 ottombre – “casina lu pecura”…… ore 15.00 " strittula pé moi" pulizia dai rifiuti di una storica strada di campagna, .... ore 18.00 "la capu nu b'è mia" piccolo seminario sui palloni aerostatici …ore 18.30 "1982: il piano regolatore di Presicce e la campagna" colloquio con corrado cazzato … ore 20.00 lancio dei palloni aerostatici … ore 20.30 "ntaulata alla strittula" cena salentina nel profumo della campagna, sotto le stelle e la luna piena...
  • Sabato 7 ottobre alla "Tenuta Vérola"  ore 19.00 "campagna mia compagna" letture di poesie e prose, nobili e popolari, intorno alla cultura contadina… ore 20.00 "niurumaru e la luna" passeggiata in campagna alla luce della luna, della poesia e dei vini - e della grappa - della campagna intorno… ore 21.00 "Aida te quai" piccolo incontro con il canto e il ballo...
  • Domenica 8 ottobre a "palazzo Tarantini" …ore 09.00 "ieri, una mattina" come una volta i bambini vendemmiano e stompano e guadagnano una bottiglia di vino per la famiglia…ore 11.00 "ane abbande" manifestazione sportiva-dimostrativa per i genitori lontani dai bambini vendemmiatori… ore 12.00 chiusura della manifestazione con i sosarieddhi … dolcetti, vino e…

l'iniziativa è rivolta a far vivere ai cittadini i modi tradizionali della campagna, perché se li godano, ma anche perché ci aiutino a salvaguardarli e valorizzarli: gli abitanti della città sono, di necessità, più consapevoli della necessità della salvaguardia ambientale e cercano quella qualità che oggi noi dei borghi rurali stiamo distruggendo - giustificati dall'assenza amministrativa negli indirizzi culturali - sciupando la grande opportunità dello sviluppo sostenibile

la campagna non è per le folle: a parte processioni e fiere, ci si incontra per piccoli gruppi, riconoscendosi niurumaru ringrazia totò matteo e antonio corineo per la creta, mario fornaio, lega ambiente circolo lecce, pro loco di arnesano corrado cazzato dell'ordine architetti, stefania, alessandra, sergio, tony, riccardo, paola… dei D.S, anna della serrezzula, le famiglie de lu pecura, valdo e cino, papà Roby del sax, vittoria e totino del teatro di magliano, giovanni mazzotta, andrea de lumè i giovani teatranti di magliano, alessandra semeraro ballerina e i ragazzi, antonio de mitri, e le cantine di Alessandro Carrozzo e Giovanni Petrelli per i vini, "Tenuta Vérola" per la grappa salentina, la azienda Anna Caione per l'olio, "lu caturu" per i prodotti tipici, "la Putea dei Pini soli"
Per la cena
è richiesta una quota di partecipazione per "taulata alla strittula" (massimo 50 adulti), per "niurumaru e la luna" (massimo 60 adulti), "ieri, una mattina" (massimo 50 bambini) per ogni informazione su prenotazioni e altri argomenti rivolgersi ai tel. 335.1408680 / 347.6246029 o consultare il sito www.niurumaru.eu.

Comunicato segnalato da: Marcello Manca

Sponsorizza questa pagina

Japigia da la possibilità di inserire, in coda a questa pagina la pubblicità della vostra attività.

Con questo nuovo servizio è possibile, infatti, associare la vostra Azienda o la vostra Struttura turistica alla pagina che ritenete più adatta a rappresentare la vostra attività.
Per maggiori informazioni contattateci allo 368/3413297 oppure  inviateci un messaggio e-mail tramite il modulo di contatto.

Un esempio? Questa pagina è in linea grazie a:

speciale vacanze nel salentoSituata a Casarano, nel centro del Salento, Casa Julia è sicuramente il posto ideale dove trascorrere le vostre prossime vacanze.

Documento creato il 06/11/2006 (12:40)
Ultima modifica del 06/11/2006 (12:40)

Fortune Cookie...

Ad orgoglio, non mancò mai cordoglio.
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124